No Tav, scontri in Val di Susa La polizia sfonda: 80 feriti Via ai lavori, corteo a Roma

La polizia spazza via le barricate dei manifestanti alla Maddalena di
Chiomonte, nel Torinese. Maroni: “Gli agenti si sono comportati bene”.
Aperto il cantiere per la linea ad alta velocità Torino-Lione. Un
corteo di manifestanti verso Palazzo Chigi, a Roma

Apre il cantiere per la costruzione della linea ferroviaria ad alta
velocità Torino-Lione. Un blitz scattato all’alba, con centinaia di
uomini e mezzi di polizia, carabinieri, guardia di finanza e forestale,
ha smantellato il presidio che i militanti No-Tav avevano realizzato nei
boschi della Maddalena di Chiomonte (Torino), per impedire l’avvio dei
lavori.
Negli scontri ci sono stati un’ottantina i feriti, ma nessuno in modo grave.
In
Val di Susa “è andata bene, è stato aperto il cantiere e le forze
dell’ordine si sono comportate molto bene”, ha detto il ministro
dell’Interno Roberto Maroni uscendo dalla sede della Lega in via
Bellerio.

Intanto, un nutrito gruppo di manifestanti No-Tav ha bloccato per
circa venti minuti via IV Novembre, nei pressi di Piazza Venezia. Circa
un centinaio di persone con le bandiere “No-Tav”, Cobas, di Rifondazione
Comunista e del Partito Comunista, si sono fermate al centro della
strada, impedendo ai mezzi di raggiungere la piazza. Poco dopo il corteo
si è diretto a Piazza Santi Apostoli e sta procedendo in direzione di
Palazzo Chigi dove, probabilmente, i manifestanti hanno intenzione di
arrivare per protestare contro l’avvio dei lavori in Val di Susa.

Gli scontri

Il blitz è scattato da più punti, all’alba, subito dopo la chiusura
al traffico dell’autostrada A32 Torino-Bardonecchia: le ruspe, scortate
da decine di agenti, hanno abbattuto le barricate che i militanti
avevano costruito per bloccare i punti di accesso alla Maddalena, in
particolare alla Centrale Elettrica e all’altezza della galleria Ramats.
C’è stato un fitto lancio di pietre, rami, tronchi di alberi e altri
oggetti contro le pale meccaniche e gli agenti, che hanno lanciato
decine di lacrimogeni. A quel punto i manifestanti sono fuggiti nei
boschi, hanno devastato alcune vigne, si sono sistemati nella zona di
un’area archeologica per poter continuare a lanciare pietre e altri
oggetti da una posizione più favorevole, hanno dato fuoco a balle di
paglia e cosparso la strada di chiodi a quattro punte e liquido oleoso.
Le
ruspe hanno continuato a salire verso la Maddalena; altri lacrimogeni
sono stati lanciati verso l’area centrale del presidio No-Tav; i
manifestanti sono fuggiti di nuovo e l’area è stata consegnata
all’impresa che avvierà i lavori.

Il bilancio

È di un’ottantina, fra feriti lievi e contusi, il bilancio – secondo
il 118 – ancora provvisorio, degli incidenti alla Maddalena di
Chiomonte (Torino) per lo sgombero del presidio No Tav.
Una trentina
sono i feriti e i contusi tra le forze dell’ordine; altrettanti tra i No
Tav, portati all’ospedale di Susa. Altre venti persone, tra forze
dell’ordine e manifestanti, sono state medicate sul posto.

Blocchi e proteste

Gruppi di attivisti No-Tav hanno bloccato la statale del Monginevro
nel centro di Chiomonte (Torino). Altri blocchi a macchia di leopardo
sono già stati attuati o sono annunciati dagli stessi attivisti nelle
prossime ore in Val di Susa ma anche a Torino, su strade e ferrovie.

Le reazioni

“Abbiamo perso un round, non la guerra”, ha commentato il leader dei
No-Tav, Alberto Perino. Il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, ha
ribadito: “Lo Stato non può assolutamente arrendersi di fronte a dei
contestatori”. “La Val di Susa – ha sottolineato il Presidente del
Piemonte, Roberto Cota – è diversa dai facinorosi e non può essere
confusa con loro”.

La battaglia in Val di Susa: ecco le foto

Fonte: City

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...